PROGETTI

LUIGI VITALE ENSEMBLE

Elephas - Luigi Vitale

Elephas – Luigi Vitale Ensemble

Luigi Vitale – vibrafono marimba e balafon
Gianni Virone – sax tenore e soprano
Alessandro Fedrigo – basso acustico
Luca Carrara – batteria e percussioni
e con la partecipazione di:
Walter Vitale – clarinetto e sax contralto
Laura Zigaina – flauto traverso e ottavino

 

 

Il gruppo nasce nel 2005 da un’idea di Vitale di riunire insieme quattro musicisti ma soprattutto quattro amici con l’intento di produrre una musica che abbia legami con il jazz e che allo stesso tempo sia influenzata da sonorità, ritmi etnici e melodie dal carattere mediterraneo.
Al 2006 risale la prima pubblicazione dal titolo CIN-CUE, registrato e mixato da Stefano Amerio presso lo studio Artesuono, che riceve ottimi apprezzamenti da parte della critica e del pubblico nonostante l’ensemble emergente e la giovane età dei musicisti.
Dopo alcuni anni di pausa, Vitale decide di riunire il quartetto per tornare in studio di registrazione e dare vita al nuovo cd dal titolo ELEPHAS, registrato e mixato da Claudio Zambenedetti presso Imput Level Studio, con l’aggiunta di due ospiti: al clarinetto e al sax alto il fratello Walter Vitale e al flauto traverso e ottavino Laura Zigaina.
Il gruppo mantiene la sua inconfondibile e avvolgente sonorità data dall’impasto di vibrafono (utilizzato in quest’occasione anche con l’uso di elettronica), marimba, sax, basso acustico e percussioni e dimostra maturazione musicale sia per la raffinatezza della scrittura e degli arrangiamenti che per le improvvisazioni dei singoli musicisti.
Le composizioni, tutte scritte dal leader, alternano momenti lirici ad atmosfere magiche e sognanti spesso accompagnate da pulsanti ritmi in tempi dispari.
Grande importanza è data al lavoro di arrangiamento per i vari strumenti e alla ricerca timbrica nell’utilizzo delle percussioni che caratterizzano il sound generale dell’ensemble.

 

Luigi Vitale, vibrafonista, percussionista, docente di Percussioni, collabora con alcuni tra i più importanti jazzisti italiani con cui ha all’attivo formazioni che vanno dal duo alla piccola orchestra e che spaziano dal jazz degli albori alla sperimentazione della libera improvvisazione.

 

Alessandro Fedrigo, è uno dei pochi specialisti italiani del basso acustico fretless, da alcuni anni è il direttore artistico dell’etichetta discografica nusica.org e della rassegna Sile Jazz. Si dedica inoltre alla composizione di musica proprio influenzata da tecniche compositive di autori contemporanei.

 

Gianni Virone, sassofonista, compositore e arrangiatore della provincia di Torino, è stato vincitore di diversi premi sia come giovane talento che come arrangiatore. Il suo suono rotondo e profondo trasmette energia ed emozioni, alternando il suono caldo e lirico del sax tenore a quello nervoso e suggestivo del sax soprano.

 

Luca Carrara, batterista e percussionista, è molto abile nei generi musicali più diversi, dalla classica al jazz, al rock contemporaneo. E’ un musicista creativo che fonda le sue origini nel rock progressive e che conferisce solidità e spinta al gruppo.

STILELIBERO

Stilelibero Vitale - Colussi

Stilelibero in foto : Colussi – Vitale

Luigi Vitale – vibrafono, vibrafono preparato con catene, arco da contrabbasso, MXR
distortion, Memory boy Electro Harmonix
Luca Colussi – batteria, sonagli, gong e vari oggetti sonori

 

Progetto a cura di Alessandro Fedrigo: nusica.org

 

 

“Stilelibero” è la settima produzione di nusica.org, un album che nasce da
un’improvvisazione libera e ad opera di due navigati ‘crawlisti in musica’.
Durante una lunga giornata di fine inverno, a marzo 2014, Luigi Vitale e Luca
Colussi, da molti anni già collaboratori in numerose formazioni (per nusica.org hanno
registrato “Idea F”, primo disco di XYQuartet), colgono l’opportunità di suonare
insieme in duo.
Non preparano canovacci, esercizi, tantomeno partiture ma si tuffano e si affidano
al loro personale e codificato approccio strumentale. Ancora una volta
sperimentano in questo modo, di bracciata in bracciata e di vasca in vasca, la loro
naturale sinergia musicale registrando (homemade) quello che accade.
Dalle oltre sette ore di take, estrapolano otto tracce e le riordinano d’istinto,
componendo una scaletta. Questi otto pezzi sono la testimonianza di un
fortunato ‘incontro in movimento’, la fotografia di un allenamento senza
sforzo, e colgono appieno alcuni elementi del background di entrambi (dalla classica,
al jazz sino, talvolta, al rock).
Gli otto brani sono, inoltre, segnati da vari(e)azioni o ‘azioni varie’ di ognuno
sul proprio strumento: servendosi di effetti e oggetti sonori, Vitale e Colussi si
spingono oltre la melodia e l’armonia senza tuttavia prescindere da esse. Nascono così
un progetto e un cd votato alla sorpresa, all’irripetibilità e al caso, ma che non sfiora
mai l’eccesso nemmeno nel rumorismo o noise, e galleggia in ciascuna forma con
ponderatezza.
“Stilelibero” è un disco che attraversa diversi “momenti” musicali lasciando aperte le
infinite possibilità di evocazione che la musica, e in questo caso la libera
improvvisazione, offrono a chi l’ascolta, dapprima a chi la fa, ossia di far emergere il
bagaglio creativo (inconscio) e di giocare liberamente con il proprio stile.

 

Luigi Vitale è nato nel 1982 a Salerno ma vive a Vittorio Veneto da diversi anni.
Suona il vibrafono e la marimba.
Talento precoce, suona con il padre musicista fin da piccolo. Dal 1998 in poi partecipa
a diversi seminari di perfezionamento tenuti da David Friedman, Dave Samuels, Ed
Saindon, Saverio Tasca.
Nel 2002 si diploma al Conservatorio di Salerno in strumenti a percussione.
Nel 2004 è vincitore del Premio Massimo Urbani e del Premio del Pubblico come
giovane talento del jazz italiano. Nel 2009 si laurea in Jazz con il massimo dei voti e la
lode al Conservatorio di Castelfranco Veneto. Svolge un’intensa attività concertistica
suonando con i musicisti più rappresentativi del Nordest e ha all’attivo circa 30
registrazioni. È docente di percussioni presso la scuola “L.Da Ponte” di Vittorio Veneto.

 

Luca Colussi è un batterista versatile che lavora in molti campi differenti, dalla
didattica alla composizione passando per l’improvvisazione.
Udinese, classe 1978, negli anni ha partecipato alla produzione di musica per teatro e
film ma anche per reading poetici, dedicandosi prevalentemente al jazz.
Si è formato con artisti italiani e internazionali studiando, tra gli altri, con Kenny
Wheeler e Fred Hersch.
Ha preso parte a numerosi progetti e collaborato negli anni con David Liebman, Andy
Gravish, Mike Applebaum, Glauco Venier e John Taylor; con quest’ultimo ha da poco
registrato un album.
Ha suonato in tutta Italia e all’estero, in Slovenia e Francia.
Dotato di grande flessibilità ritmica e rigore nell’interpretazione della partitura, fa di
questi due elementi fondanti le caratteristiche principali del suo stile.
www.lucacolussi.com